Caro diario, John McNaughton e Luke Perry?

Cosa ci fanno Moretti, John McNaughton e Luke Perry nella stessa frase? Per i cinefili l’accostamento tra i primi due potrebbe essere di ‘facile’ soluzione, ma il terzo? che stramaledetta posizione occuperebbe Luke Perry in questo atipico triangolo? Se siete tra quelli che pensavano all’attore – noto ai più per aver interpretato Dylan McKay nella Serie TV Beverly Hills 90210 – come uno al quale non concedere la benché minima attenzione, beh potreste ricredervi! Continua a leggere Caro diario, John McNaughton e Luke Perry?

AMERICAN SNIPER, ideologica ossessione made in USA

AMERICAN SNIPER – RECENSIONE

Chris Kyle appoggia la sua pistola su un armadietto, saluta la famiglia ed esce di casa per l’ultima volta. È necessario stare molto attenti per accorgersene, ma il momento appena descritto è l’apogeo del messaggio ideologico srotolato da Clint Eastwood lungo tutta la pellicola. Continua a leggere AMERICAN SNIPER, ideologica ossessione made in USA

BIG EYES, di grande solo gli occhi?

BIG EYES – RECENSIONE

Tim Burton è indiscutibilmente uno dei registi più originali e al contempo caratterizzati, e caratterizzanti, del suo tempo, ma arrivato al 18esimo lungometraggio (vogliamo continuare a credere che il piccolo emozionante capolavoro di nome Nightmare before Christmas sia interamente suo) rischia di trovarsi in una situazione molto scomoda, quella che tennisticamente parlando chiameremmo ‘terra di nessuno’. Continua a leggere BIG EYES, di grande solo gli occhi?

THE IMITATION GAME, emozionante imitazione

THE IMITATION GAME – RECENSIONE

Se il termine convenzionale contenesse un’accezione positiva potremmo usarlo per definire il lavoro di Morten Tyldum (Headhunters). Sì, perché The Imitation Game – biopic sulla vita di Alan Turing, pioniere della moderna informatica che riuscì a decifrare il codice nazista Enigma – non è, appunto, un enigma, bensì un gioco all’imitazione, la copia carbone del film tradizionale per eccellenza, la pellicola che rispetta tutti i cliché del genere classico, una storia che racconta tutto ciò che vorresti ti venisse raccontato, una vicenda nella quale succede tutto ciò ti aspetteresti debba succedere. Continua a leggere THE IMITATION GAME, emozionante imitazione

STORIE PAZZESCHE, rende lirica la frustrazione

STORIE PAZZESCHE – RECENSIONE

Ci sono molti modi, dicono gli Afterhours in uno dei pezzi più lirici che il panorama musicale italiano abbia prodotto… Non lo conoscete? Beh rimediate subito! Nel caso vi trovaste, o vi doveste trovare (prima o poi capita a tutti), in un momento di profonda crisi sentimentale, questo brano è ciò che serve per risollevare il vostro ego tramortito. È salvifico. Continua a leggere STORIE PAZZESCHE, rende lirica la frustrazione

HUNGER GAMES – IL CANTO DELLA RIVOLTA Parte 1, film a empatia zero

HUNGER GAMES – Il canto della rivolta Parte 1 – RECENSIONE

L’episodio numero uno di Hunger Games era un film muto. La pellicola diretta da Gary Ross metteva in scena una violenza di cartapesta soffocata da rallenty e silenzio mentre le telecamere si muovevano nevroticamente alla ricerca di un barlume di tensione narrativa tra inquadrature di mani,  frecce, piedi, foglie e occhi di Jennifer Lawrence. Basta veramente una direzione schizofrenica per far gridare all’originalità? La risposta è no. Continua a leggere HUNGER GAMES – IL CANTO DELLA RIVOLTA Parte 1, film a empatia zero