A global Network of different Networks

Alternative sites have come forth in many countries and regions, at times www.inafi-la.org/2019/12/01/comunidad-internacional-alternativa-de-instituciones-financieras/ with no central power, and are comprised of individuals, non-profit organizations, and native sites. That they aim to democratize information and promote information reform. They will face a range of challenges, which includes limited fiscal and scientific support, nonetheless they persist in building regional and native links and circumventing imperialist power aspect.

Most mainstream media is definitely owned and controlled simply by Traditional western transnational firms. Most articles produced by these media outlets is focused by Western audiences, which is unrepresentative and in some cases harmful to those residential areas. But the global network of communications advocates is trying to reform the media, developing alternative sites that serve the people and demonstrate the advantages of democratic information.

Perturbazioni erotico-cinematografiche di un teen degli anni ’80

Quella che vi apprestate a leggere non è una classifica, bensì l’iconica rappresentazione dei (miei) turbamenti erotico-adolescenziali causati da quel magnifico contenitore di sogni chiamato Cinema

A differenza della settima arte, però, il pezzo che sto per scrivere, avrà un limite: le donne disseminate al suo interno non saranno classicamente belle, l’unicità sarà data dal loro ruolo. Continua a leggere Perturbazioni erotico-cinematografiche di un teen degli anni ’80

BLACK OR WHITE, approssimativo dramma famigliare e sociale

BLACK OR WHITE – RECENSIONE

Black or White si presenta con una sceneggiatura precisa quanto lasciata al proprio destino. Tra acredine e conflitto di classe, rancore generale e generalizzante, il confronto per l’affidamento della nipote tra Kevin Costner e Octavia Spencer ha le dosi giuste nelle parole e nei momenti, ma la miscela errata di emozioni e atmosfere. Continua a leggere BLACK OR WHITE, approssimativo dramma famigliare e sociale

KINGSMAN – SECRET SERVICE: Bond, la posa, il pop, il fumetto

KINGSMAN – SECRET SERVICE – RECENSIONE

Matthew Vaughn non sarà mai il re dei cinecomic (ma ce n’è mai stato uno? Ne serve qualcuno?), perché Kingsman – Secret Service è la conferma di quanto il suo cinema sia di più ampio respiro, un piccolo capolavoro pop capace di prendere i limiti insiti di più generi odierni, di comprimerli nei generi stessi e di lanciarli addosso allo spettatore come con una pistola da paintball. Continua a leggere KINGSMAN – SECRET SERVICE: Bond, la posa, il pop, il fumetto

TURNER, quando il cinema diviene arte pittorica

TURNER – RECENSIONE

Joseph Mallord William Turner, dichiariamo la verità… quanti tra voi lo conoscono? E allora, perché è importante Turner? o meglio, perché vale la pena andare a vedere l’ultimo film di Mike Leigh (Segreti e Bugie 1996 – Il Segreto di Vera Drake 2004 – Another Year 2010)? Continua a leggere TURNER, quando il cinema diviene arte pittorica