PARADISE BEACH e l’ideologia Hollywoodiana

Nonostante Orphan sia un prodotto di genere che fa il suo sporco lavoro, Jaume Collet-Serra è un regista che mi ha sempre lasciato abbastanza tiepido. Incuriosito però da varie recensioni catturate in rete, decido di dedicare un paio d’ore al suo ultimo lavoro, PARADISE BEACH (The Shallows). Continua a leggere PARADISE BEACH e l’ideologia Hollywoodiana

VIZIO DI FORMA, onirico e retrattile

VIZIO DI FORMA – RECENSIONE

Sapete una cosa? Questa volta più di altre volte sento il bisogno di non scrivere una vera e propria recensione (come se l’avessi mai fatto…), perché i film sono personali, sono di chi li dirige e dello smisurato spettro di individui che li guarderà… lo scoglio più grande è però rappresentato dal film stesso, perchè per comprendere appieno il nuovo lavoro di Paul Thomas Anderson sarebbe necessaria almeno una seconda visione. Continua a leggere VIZIO DI FORMA, onirico e retrattile

JOHN WICK, action movie tamarro e divertente

JOHN WICK – RECENSIONE

Avvicinarsi a un film come John Wick con circospezione è quantomai necessario, ma altrettanto necessario è non farsi condizionare dalle premesse. Il rischio è alto perché gli ingredienti per la cagata colossale ci sono tutti e arrivano qui in ordine sparso: Stahelski e Leitch sono 2 ex stuntman prestati alla regia, il trailer lascia timidamente perplessi e Reeves torna alla ribalta affidandosi al ruolo stra-abusato del vendicatore… Insomma ci sarebbe poco da stare allegri, perché il pensiero scivola immediatamente a Liam Neeson nei panni di Bryan Mills e alla trilogia dei vari Taken iniziata con il razzista (quasi xenofobo) Io vi troverò. Continua a leggere JOHN WICK, action movie tamarro e divertente

Caro diario, John McNaughton e Luke Perry?

Cosa ci fanno Moretti, John McNaughton e Luke Perry nella stessa frase? Per i cinefili l’accostamento tra i primi due potrebbe essere di ‘facile’ soluzione, ma il terzo? che stramaledetta posizione occuperebbe Luke Perry in questo atipico triangolo? Se siete tra quelli che pensavano all’attore – noto ai più per aver interpretato Dylan McKay nella Serie TV Beverly Hills 90210 – come uno al quale non concedere la benché minima attenzione, beh potreste ricredervi! Continua a leggere Caro diario, John McNaughton e Luke Perry?

AMERICAN SNIPER, ideologica ossessione made in USA

AMERICAN SNIPER – RECENSIONE

Chris Kyle appoggia la sua pistola su un armadietto, saluta la famiglia ed esce di casa per l’ultima volta. È necessario stare molto attenti per accorgersene, ma il momento appena descritto è l’apogeo del messaggio ideologico srotolato da Clint Eastwood lungo tutta la pellicola. Continua a leggere AMERICAN SNIPER, ideologica ossessione made in USA

BIG EYES, di grande solo gli occhi?

BIG EYES – RECENSIONE

Tim Burton è indiscutibilmente uno dei registi più originali e al contempo caratterizzati, e caratterizzanti, del suo tempo, ma arrivato al 18esimo lungometraggio (vogliamo continuare a credere che il piccolo emozionante capolavoro di nome Nightmare before Christmas sia interamente suo) rischia di trovarsi in una situazione molto scomoda, quella che tennisticamente parlando chiameremmo ‘terra di nessuno’. Continua a leggere BIG EYES, di grande solo gli occhi?