RITORNO A L’AVANA, uno sterile chiacchericcio

RITORNO A L’AVANA – RECENSIONE

La storia del Cinema non è certo parca di pellicole che stanno in piedi basandosi esclusivamente su dialoghi a raffica sparati in ambienti statici. Hitchcock ha costruito sul dialogo uno dei suoi capolavori, Nodo alla gola, ma anche nella cinematografia odierna albergano episodi di questo tipo, basti pensare al brillante Carnage di Roman Polanski – interamente girato in un appartamento – o al più recente Locke di Steven Knight, film le cui riprese sono durate lo spazio di otto notti con telecamera che non stacca quasi mai dalla figura di Tom Hardy alla guida di un fuoristrada (da vedere!). Continua a leggere RITORNO A L’AVANA, uno sterile chiacchericcio